skip to Main Content

Il Nostro Best Seller!

Nan Coosemans

Fai troppo per i tuoi figli?

Suona strano …”forse fai troppo per tuo figlio” ma è una frase molto usata negli ultimi tempi. Le generazioni cambiano e anche noi genitori, magari i nostri genitori non avevano tempo o bisogno di negoziare tanti anni fa, risolvere ogni problema o essere un entertainer in ogni momento, ma il loro principale scopo era quello di tenere la famiglia insieme, le famiglie erano più numerose e i figli avevano più responsabilità. I Genitori avevano loro vita con amici e parenti , e i figli con i compagni della loro stessa età. I genitori erano una presenza nella vita dei loro figli ma si trattava di una presenza “dietro le quinte”.

C’e una grande differenza tra quei tempi ed oggi, infatti ci si accorge sempre più che tanti genitori hanno meno tempo da dedicare ai propri figli, lavorano fuori casa, o magari sono a casa e pensano che per questo possono lasciarli fare tutto. Il risultato è il “senso di colpa” e se ci sentiamo in colpa… cominciamo a fare troppo per gli altri per soddisfare questo senso. Quindi si rischia di diventare troppo coinvolti con i figli e spesso si pensa che essere così coinvolti e disponibili vuol dire essere un bravo genitore. Solo che ci dimentichiamo che i nostri figli cosi non imparano ad essere responsabili per il loro comportamento e non vengono abituati ad apprendere dalle “cadute”perché ci sono i genitori che li proteggono e che evitano loro le possibili cadute , facendoli crescere con una protezione che non è più costruttiva per il loro sviluppo e per la loro crescita.

Come riconoscere se fai “troppo”?

  1. -quando tuo figlio rifiuta di fare le cose, anche quelle più semplici in casa;
  2. -se fai tutto in casa anche se lui/lei è in grado di fare le cose da solo;
  3. -se non fa i compiti senza la tua presenza;
  4. -se senti più dolore o ansia tu per una “sua” situazione o per un suo problema;
  5. -se sei tu a risolvere tutto per lui;
  6. -se lui/lei ti tratta senza rispetto;
  7. -se non hai più tempo per te ,e ti senti esausta perché pensi solo a lui/lei.

Il risultato di questo modo di essere genitore si inizia a vedere già intorno ai 13 anni…Rispondono male, non aiutano in casa, non riescono a risolvere i problemi da soli, hanno paura del confronto con gli altri ragazzi, diventano pigri e non sanno come comunicare in modo costruttivo con gli altri.

Come diciamo sempre….fino a circa 8 anni un genitore è un insegnante (insegna le cose) , fino a 12 anni è un amministratore, porta i figli ovunque, organizza le cose ecc. Dopo il 12 anni il ruolo del genitore deve cambiare in coach, una persona che guida a distanza…questo cambiamento non è facile per un genitore e neanche per un ragazzo, ma è molto importante.

Prenditi il tempo per insegnare ai tuoi figli come gestire il loro tempo (questo non viene insegnato a scuola;) , guidali se hanno dei problemi ma non risolvere i loro problemi e falli vivere o cadere da soli.

Ti puoi fare alcune domande…

  • -Mio figlio è in grado di farlo..perché non lo lascio fare?
  • -Di chi è il problema, suo o mio?
  • -Chi dovrebbe essere responsabile per la cosa, lui o tu?

E la domanda più importante…..Qualé lo scopo per mio figlioCosa voglio che lui diventa da grande? Un uomo di successo (personale) o un uomo che non riesce a difendersi, non riesce a prendersi cura di se stesso ecc? Se ti rendi contro che fai troppo, allora ricordati che non sei un genitore sbagliato ma che dovresti cambiare il tuo ruolo da “faccio tutto” a “sono un coach” …Coaching vuol dire guidare..non fare per loro;)

Risultato su lungo termine se fai troppo? .

  • Quando fai troppo, lui non impara a fare le cose da solo e impara a manipolare altre persone in modo sbagliato.
  •  Non impara ad affrontare altre persone se si trova in difficoltà, cosa succede se lui/lei deve affrontare delle situazioni con le persone quando tu non ci sei? .
  • Pensa su lungo termine che non è capace, e così facendo abbassa l’autostima .
  • Tu non avrai più tempo per te stesso/a e diventi più stressata/o e finisci per portare più tensione in casa; .
  • Tuo figlio non sa prendersi cura di se stesso; .
  • Non riesce ad avere una relazione sana con il sesso maschile/femminile

Chiaramente questo non vuol dire che devi lasciare andare tuo figlio e che lui da oggi a domani deve fare tutto da solo…Tutto con piccoli passi e tieni in mente.. Qual è lo scopo per mio figlio. Cosa voglio che lui impara? Come può confrontarsi con il mondo esterno?

Vuoi migliorare la comunicazione con tuo figlio a casa, a scuola o lui si trova in difficoltà, visita la nostra pagina sul coaching one to one cliccando qui

VIDEO CORSO GRATUITO
Nella mente del tuo adolescente

Nel video corso tratterò i seguenti argomenti:

  • Rispetto - Come farti rispettare e portare rispetto al tuo figlio adolescente
  • Ascolto - Come ascoltare tuo figlio in modo che non si chiude più con te
  • Responsabilità - guida tuo figlio per essere più responsabile
  • Supporto - Come essere di supporto per vare un rapporto migliore.

Risorse gratuite per i genitori che si vogliono mettere in azione anche a casa!

Inserisci la tua mail e ti mandiamo tutto subito alla tua casella di posta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top